Calendario Eventi

MF News

  MF News -> REPORT    [ Cerca ]  [Vai ai Commenti]  
[PTQ Standard Napoli 22.02] ''The Last of Us'' by Michele Ancona [Winner - Jeskai]

Grande amico di Magic Friends e giocatore di indubbia bravura, Michele Ancona è l'ultimo vincitore di un PTQ in suolo italico. Oggi, con orgoglio misto a malinconia, ci racconta di questa avventura che l'ha condotto a Bruxelles, insegnandoci i segreti del suo mazzo e della sua preparazione, ma anche dando voce a un'opinione condivisa sulla fine di quest'era di Qualifier.

Alla prossima, Michele! Congratulazioni a te e a tutti i vincitori dell'ultima stagione di PTQ!
MF Staff

 

separator

 

Ciao, mi chiamo Michele Ancona e sto per raccontarvi la serie di fortunati eventi che mi ha permesso di vincere l’ultimo “ol’style Pro Tour Qualifier”!

La conversazione con il Capo (mio padre) questa volta si è limitata a:

“Padre! Ho vinto di nuovo”
LUI: “Non ho capito, quando torni a casa? Vinto cosa poi?”
“Oh! Non hai capito, ho vinto il torneo! Come quello per le Hawaii ma questa volta vado a Bruxelles”
LUI: “Che vuol dire? Perché a Bruxelles? Io andrei di nuovo alle Hawaii…”
“Oh capo, il torneo qualifica per Bruxelles, non decido mica io!”
LUI: “Ah e dillo chiaramente… peccato alle Hawaii questa volta ci sarei venuto…”

Questo PT Bruxelles l’ho solo sfiorato in varie occasioni, l’ho sognato e dopo il GP Siviglia avevo quasi abbandonato l’idea. Sapevo di Napoli, ma ormai non ci speravo più. Emanuele (Crispo) e gli altri ragazzi stavano organizzando quello che fino a poco prima non avevo realizzato essere l’ultimo PTQ della storia, proprio a Napoli, dove ho tanti ricordi di trasferte di gruppo. Cerco di organizzare il WE, ma trovo davvero poche adesioni, diciamo solo due, e la cosa non mi piace. Sento come se davvero un'epoca sia giunta al termine, non era mai successo di essere solo in tre a Napoli. Ma il destino mi ha riservato una bella sorpresa per questo ultimo viaggio della speranza e oggi cercherò di parlarvi dei dettagli di questa sorpresa e delle 75 figurine che mi hanno aiutato.

 

outpost_siege_banner

 

Arrivo distrutto a Napoli, ho dormito meno di zero durante la settimana e listo in tutta fretta (con conseguenze adorabili per chi leggerà il documento autografo quella sera) prima di schiantare la testa sul tavolo per un'oretta circa o almeno finché quel maledetto di Ciccio non mi sussurra nell’orecchio “Stiamo per appendere i pairings del primo turno…” e il mio cervello esce dalla modalità standby. Ecco le 75:

 


// PTQ Napoli 22.02.15
# Michele Ancona - Jeskai - Winner

Maindeck:
Seeker of the way
Goblin rabblemaster
Mantis rider
Stormbreath Dragon
Wild slash
Lightning strike
Valorous stance
Abzan advantage
Stoke the flames
Treasure cruise
Dig through time
Outpost siege
Mystic monastery
Temple of triumph
Temple of epiphany
Battlefield forge
Shivan reef
Island
Plains
Flooded strand

 



Sideboard:
Valorous stance
Glare of Heresy
Negate
Elspeth, sun’s champion
Brimaz, king of Oreskos
Disdainful stroke
Anger of the gods

 


Ho giocato tante volte queste carte fra amici e in test, ma non avevo mai giocato un torneo, anche solo un FNM, con Dig through time (DTT) e Mantis rider. Dopo il release di Fate Reforged lo standard è cambiato e i mazzi da battere mi sono subito sembrati i control a base UB, puro o Sultai. Giocare una strategia “burn”, soprattutto contro Sultai, sembrava davvero passeggiare, forse anche troppo, e ho pensato di giocare Tokens in tornei precedenti per avere un MU migliore contro gli altri mazzi del formato rispetto a una build “tempo” come questa.

Per il PTQ Napoli, ho voluto semplicemente giocare il mazzo che mi piaceva di più, questo. Sono partito dalla lista con cui Martin Juza ha fatto top8 al GP Seville, apportando un paio di modifiche, perché non ha senso giocare la carta più forte del formato, Outpost siege, e giocarne solo una copia in main e, sinceramente, di side ha poco senso. Ma erano soprattutto alcuni piani di gioco e side di Juza che non mi convincevano: da quello che ho capito a Siviglia ha trovato solo WR in day 2, vincendo contro tutti e pattando l’ultima, mentre al day1, con pairings più vari, ha faticato non poco e portato a casa il 7-2 solo grazie ai 3 bye.

Ho focalizzato il test per capire come gestire ogni singolo mazzo avversario. Questo mazzo ha un suo piano dedicato in G1, fondamentalmente un WR aggro con Mantide al posto di Hordeling outburst, Stance al posto di Chained to the rocks e carte blu per non finire la benzina. In G2 bisogna capire se, come, quando e quanto cambiare piano ed è il punto cruciale su cui ho focalizzato tutta la preparazione per il torneo, perché era questa la risorsa in più che il mazzo ha. Non è più forte degli altri (non credo esista un “mazzo più forte degli altri” in questo T2), ma offre tante possibilità che volevo saper sfruttare al meglio.

 

valorous_stance_banner

 

Il torneo inizia con uno sgradito accoppiamento, devo giocare contro uno dei miei due compagni di viaggio e non è proprio il massimo su 105 persone…


RND1 - Michael Ragone (Abzan Control) 2-1 [1-0-0]

G1 parte lui, io tengo una mano buona ma non buonissima e vengo piegato da un Thoughtseize di secondo, seguito da doppio Siege Rhino e Tasigur nei turni dal 4 al 6, poco da dire.

OUT: 3 Slash, 4 Strike, 4 Seeker, 1 Stoke
IN: 1 Stance, 1 Glare, 3 Stroke, 2 Negate, 2 Elspeth, 3 Brimaz


Abzan Control è un mazzo con una capacità di adattarsi al proprio avversario che pochi nel formato hanno e voglio che il mio mazzo sia pronto ad affrontare un game lungo, sapendo che difficilmente troverò il mio avversario fragile a una semplice strategia burn come spesso accade in G1 (spesso, non sempre, come il game appena perso dimostra). Post side riesco a controllare bene il board e, pescando molte carte in più del mio avversario in G2 e G3 (sebbene l’Assedio non si faccia vedere…), porto a casa il match alla lunga.


RND2 - Emanuel Attar Hamadani (UB Control) 2-0 [2-0-0]

So che troverò un UB control al 99% nelle mani di questo giocatore, la mano è solida con un Goblin Rabblemaster, un Seeker of the Way, 3 terre, una mantide e una cruise. Inizio io e lui parte di Isola, so che a meno di mosse-Cibak (Isola-go, Urborg-go, Bile Blight) il mio rabblemaster sarà “online” e questo vuol dire game.

OUT: 3 Slash, 4 Strike, 1 Advantage
IN: 3 Brimaz, 3 Stroke, 2 Negate


Questo è il MU che ho studiato di più preparandomi a questo torneo, volevo sapere dove e quando usare i counter, per far girare la partita a mio vantaggio. Con Gianluca (Spanu) avevamo deciso di far counter soltanto sui motori di card advantage di UB (cioè DTT e Jace’s Ingenuity), a meno di situazioni evidenti di vittoria. Il playtest aveva dato risultati confortanti da questo punto di vista e anche contro Emanuel le cose vanno bene, la partita si allunga e, mentre continuo a pescare minacce, gli impedisco di selezionare le risposte o di averne in sovrannumero e questo porta inesorabilmente alla vittoria.


RND3 - Carmine Ottaiano (WR Mentor) 2-0 [3-0-0]

Ciccio lo incitava con “Appiccialo..!!!” Ragazzo simpatico e cordiale. Una versione più lineare del mio mazzo, più focalizzata sui tokens, forse più fragile, ma se i tokens iniziano a moltiplicarsi la situazione diventa ingestibile, Jeskai digerisce male i tokens… In G1 lui pesca male, io pesco una Treasure Cruise (TC), ho un po' di difficoltà a gestire un Soulfire Grandmaster con 10 mana open, ma la porto a casa complice il suo flood.

OUT: 4 Rabble, 3 Stance
IN: 3 Brimaz, 3 Anger, 1 Glare


Il piano qui è “non difendere l’indifendibile” (Rabble), ma tentare di contenere il suo mazzo se “la fa fuori dal vaso”, ovvero se lui ha 4+ creature a terra, confidando in un lategame più consistente (ovvero credo di poter pescare più draghi di lui, ma non solo…). Io pesco abbastanza bene e lui ha inizialmente problemi di color-screw che non gli permettono di essere subito aggressivo, il game si protrae e la vinco alla lunga.


RND 4 - Davide Canonico (Abzan Control) 2-1 [4-0-0]

Sono stati tre match molto interessanti. Di main cerco di prendere un vantaggio sfruttando la sua terza terra che entra in gioco TAPpata e gioco una Mantide non a rischio di Abzan Charm o Hero's Downfall, lui non ha un Bile Blight e questo lo costringe a giocare le sue risposte sorcery-speed mentre le sue vite diventano sempre più a portata di fuoco.

Post side lui parte davvero troppo bene e io non pesco motori di vantaggio carte (credo anche che lui mi abbia rimosso con un Utter End il Siege appena messo) e si gioca il terzo game. La partita si allunga e riesco a giocare 3 delve-spell mantenendomi aggressivo, evito che lui abbia a terra una Courser of Kruphix per troppo tempo e quando, finiti i removal e le creature, lui è costretto a giocare i suoi PW, io gli volo sopra uccidendolo in un paio di attacchi.


RND 5 - Gerardo D’Elia (Abzan Control) 1-2 [4-1-0]

Molta varietà in sala eh…? Bravissimo ragazzo, l’avevo visto in giro in altri eventi ma non ci avevo mai giocato contro. Il primo game parte con un simpatico siparietto che ha accompagnato tutta la giornata: il mio avversario gioca un Thoughtseize, guarda la mano, segna le carte sul suo foglietto, ci pensa, ci pensa, ci pensa, ci pensa, poi scarta un Rabblemaster. Con Gerardo è successo, credo, in ognuno dei 6 game che abbiamo giocato. In questo game ho appena scryato un altro Rabble in cima e da qui inizio a prendere vantaggio, casto apparentemente a casaccio tutti gli spari che facciano meno di 4 danni per avere il cimitero più pieno possibile e già la prima TC risulta eccessiva per le poche risposte in mano all’avversario.

G2 e G3 hanno storie particolari. Nella prima tengo una mano a 3 terre con Assedio che fa dire al mio avversario “e questa come la vinco?”, la vincerà anche e soprattutto perché io non pescherò mai la quarta terra. Nel terzo game le cose vanno all’opposto e sono l’archetipo del tipico game dove va tutto liscio per abzan control: lui ha capito che io sono diventato un midrange/control, pesca più di un Seize, riesce a far sopravvivere una Kruphix per quasi tutta la partita filtrando tutte le pescate e avendo sempre il controllo su cosa io abbia in man, conservando un alto life-total. Alla lunga lui pesca due scarti per togliermi i due counter che sono nella mia mano dalle 7 iniziali, appoggia una Liliana Vess per scartare Glare of Heresy, ultima mia carta in mano, seguito da puntuale tutore per Elspeth, Sun's Champion, che chiude il game. Questo mazzo ha tanti pregi, ma non digerisce bene una Elspeth risolta.


RND6 - Gennaro Mango (WR Aggro) 2-0 [5-1-0]

La prima partita va per le lunghe, con entrambi poco sopra i 10 punti vita e il board stallato con molti Goblin e una Ashcloud Phoenix dal suo lato; una Mantide, due Seeker e un Rabble dal mio lato. So che i Seeker sono fondamentali in questo MU, per molti turni entrambi peschiamo land, il Rabble manda un kamikaze a schiantarsi contro uno dei suoi molti Goblin e il resto del mio board è tenuto a bada dalla sua Fenice. Pesco un DTT sul quale gira la partita, scelgo di prendere Abzan Advantage al posto di uno Stormbreath Dragon assieme con uno Stoke the Flames, perché se lui pesca Assedio prima di me sono morto. Lui puntualmente pesca Assedio prima di me e io lo rimuovo. Lui inizia ad essere a corto di Goblin, decide di bloccare il singolo kamikaze con la Fenice e quando lui TAPpa 6 lande per smorpharla io faccio doppio sparo per liberarmene e vincere questo interminabile game.

OUT: 4 Rabble, 2 Strike, 1 Stance
IN: 3 Brimaz, 3 Anger, 1 Glare


Ho visto che lui gioca Brimaz di main e non voglio andare corto di Stoke the Flames e morire di Drago. Soprattutto perché post-side lui giocherà un ruolo molto più aggressivo del mio, mi espongo leggermente di più a una partenza con più di un Rabble, ma credo che 5 spot removal e 3 Anger possano bastare, considerando il rischio alternativo di non avere una risposta a Brimaz o a Drago. Peschiamo average entrambi e io riesco a controllare le sue minacce, quando poi io passo all’attacco lui non ha abbastanza removal per le mie mantidi e alla lunga vinco. Scopro solo dopo che ha sidato fuori Chained to the Rock, scelta che forse lo ha reso troppo dipendente dal riuscire ad essere l’aggressore nel game, ma se io avessi avuto tanti spacca-incatesimi di side magari gli avrebbe dato un vantaggio.


RND7 - Raffaele Mazza (Abzan Control) ID [5-1-1]

Un'altra top8 a Napoli, sono abbastanza contento, fare top8 nell’ultimo PTQ della storia mi rende orgoglioso, ma vado fuori dalla sala per sbattere un po’ la testa contro il muro e cercare di togliermi quella soddisfazione dalla testa. Conta solo vincere, niente altro e devo fare ogni giocata possibile per riuscirci.


abzan_advantageTop8 - Gerardo D’Elia (Abzan Control) 2-1

Sa cosa farò post side e questo mi turba, passo tutto il primo game a pensare se bluffare e rimanere aggro post side. Perdo una delle prime due (non ricordo quale), equilibrata, ma dove non riesco a prendere un reale vantaggio. Nell’altra mullighiamo entrambi a 6 e una sua terra TAPpata al terzo turno opposta a mio doppio Rabble (me ne scarta uno ovviamente) con un terzo scryato on top mi mette in situazione di enorme vantaggio che si tramuta in vittoria con il quarto Rabble.

Credo di aver mulligato a 5 nel terzo game, molto infastidito e demoralizzato, ma per la prima volta nel torneo appoggio Assedio a quarto turno e cambia l’orizzonte, lui non ha una immediata risposta, il game si allunga ma io non smetto mai di giocare creature, lui ha apparentemente risposte per tutto e riesce a risolvere una Elspeth (l’Assedio ha esiliato 3 dei miei counter), ma io pesco il secondo Assedio, scelgo Dragons (ah si può scegliere anche Dragons?), gioco il secondo Rabblemaster, lui è a 9, ha 7 terre e quello che suppongo essere un Murderous Cut in mano, quando solo un Ugin risolto lo salverebbe (io nel dubbio ho Disdainful Stroke in mano…), lui sa anche che ho un Drago in mano e non ha ucciso a vista Rabble pensando (giustamente) di poterlo gestire con Elspeth, ma ora la situazione è diventata letale per lui.


Top4 - Lorenzo Conza (Mardu) 2-1

Di nuovo mull a 5, lui però ha tenuto con 2 fetch e non pescherà la terza terra per due turni, io intanto risolvo Assedio di quarto, Assedio esilia secondo Assedio e, quando lui pesca la terza terra e inizia a giocare, io non ho niente in mano ma ho fondamentalmente un emblema di Sarkhan, Dragonspeaker. Lui giocava a Magic, io giocavo a un altro gioco, è finita qualche turno più in là e l’avevo spuntata ancora mulligando a 5.

OUT: 4 Rabble, 3 Strike
IN: 3 Brimaz, 1 Glare, 3 Anger

Riesco a risolvere Assedio (sì, mai pescato o quasi durante tutto il torneo, sembro giocarne 12x in top..), ma lui ha Erase e minaccia, vado sotto di vite e sono costretto a un paio di 1x2 per togliere di mezzo Sorin, Solemn Visitor e un Drago, quando riesco a stabilizzare io sono a 8 e lui è prossimo ai 40 punti vita. Casto un Drago che rimane in difesa per un paio di turni finché non rimuovo la sua minaccia, lo mostruosizzo, lui ha due carte in mano e non fa niente in risposta, io ho solo un Brimaz in mano. Lui mi ha già giocato un End Hostilities e, considerando il life total, non voglio sovraespormi a un'altra ira. Attacco e lui a fine turno gioca un Mardu Charm facendo due token, mi attacca, io pesco scryland, trovo Brimaz in cima e casto quello che ho in mano, lui lo rimuove e attacca ancora, io metto il secondo Brimaz e lo mando a 1, lui mi attacca, mi manda a 3 e mi spara uno strike al volto. Non so se avrei dovuto spingere di più, ero a 8, lui non aveva niente a terra e non mi aveva ucciso Drago, volevo ucciderlo il più presto possibile ma non volevo rischiare che lui fosse stato goloso con un'ira, essendo oltre 30 punti vita. 

Giochiamo la terza e io ricambio le carte in tavola, conosco il MU, ne ho giocati a decine prima del PT Honolulu e so quanto Mardu “on the draw” possa soffrire Jeskai.

OUT: 3 Brimaz, 3 Anger
IN: 4 Rabble, 2 Strike

Insomma me la gioco praticamente di main, parto a razzo, lui non riesce a gestire le minacce rapide e va sotto nella race. Decido di portarlo a 1 punto vita sparandogli uno Stoke in faccia seguito da Drago, invece di uccidere un Rabble o Brimaz, perché lui ha due carte in mano e 4 terre di cui una fetch e 1 painland e il range di giocate che può fare senza una Urborg è limitato a… zero. Lui STAPpa pesca, gioca Urborg e Sorin, +1 attacca e torna a 9, io sono a 2 adesso e ho a terra un Drago e una Mantide opposti a 4 creature sue (diciamo che aveva le carte esatte per uscire dallo sterco dove lo avevo gettato…). Ho 5 terre e 4 carte nel cimitero, un'Isola in mano, una TC e niente spari o volanti rapide, sapendo di dover pescare uno Slash o uno Strike in 4 carte. Pesco un Wild Slash nelle 3 carte di TC e vinco.


FINALE - Yuri Del Giudice (Abzan Control) 2-1

Tengo una mano a 7 bruttina ma giocabile, pescherò davvero solo terre, credo di aver land-droppato 14 consecutivamente, lui topdecka il mono Utter End per togliere Siege e finisce così. Gli ho visto giocare Hornet Nest nella semifinale e questo cambia decisamente molte carte in tavola, perché il mio piano di rischiare sul life-total per rimanere aggressivo, togliendo Seeker e mantenendo Rabble non è più il massimo, anzi potrebbe condurmi alla morte in maniere inevitabili.

OUT: 4 Rabble, 3 Slash, 4 Strike, 1 Stoke
IN: 3 Brimaz, 3 Stroke, 2 Negate, 2 Elspeth, 1 Glare, 1 Stance

Nel secondo game metto a terra un Seeker al secondo turno, prima che lui mi possa fare un Seize, inizio a logorarlo poco alla volta senza mai esporre il Seeker ad Abzan Charm, a meno che lui non si TAPpi per un qualcosa che verrà puntualmente rimosso, quando decide di essere andato troppo basso e rimuovere Seeker, gioco una Mantide, lui la rimuove e pensa sia il momento di Elspeth, io faccio counter e Drago chiude i giochi.

Nel game decisivo mulligo a 6 (non credo a 5) lui mi fa un Seize e vede 3 lande, un Brimaz, Disdainful Stroke, Drago, Stoke the Flames, scarterà Brimaz. Da qui in poi una serie di “pesco-passo”, solo che lui gioca delle terre, io rimango bloccato a 4, vado in discard per due volte, gioco una TC e vado in discard una terza volta, scartando due Stoke. Sono davvero demoralizzato, sento che la partita mi sfuggirà di mano da un momento all’altro e non posso reggere troppo così. Lui arrivato a 8 terre e dopo un paio di Kruphix e Rhino defunti, decide però che è il momento di iniziare le danze e gioca Hornet Queen per counter, Elspeth per counter, Ugin per counter, Elspeth per counter. Io ho finito i counter, pesco la quinta terra, lo vedo a corto di risorse e appoggio Mantide, che fa danno e muore, Drago che fa danno e si prende un'ira, uccido un Tasigur, poi una seconda Mantide che lui non uccide finché non si sente troppo basso, io in risposta gioco uno Stoke per portarlo a 3 con in mano altra Mantide, Abzan Advantage e Valorous Stance per proteggerla. Lui pesca e passa, io gioco Mantide e lui mi tende la mano. Ho vinto, vado davvero a Bruxelles! Dopo aver sfiorato questo PT, sentendo di essermelo meritato, ma non considerato “da chi di dovere”, l’ho acchiappato con l’ultimo treno disponibile.

 

Grandmaster

 

Devo ringraziare davvero tante persone, Gianluca che mi ha accompagnato nel percorso fino ai pairings e non mi ha mai fatto mancare in mille modi il suo sostegno, così come Maigol. Un ringraziamento speciale va a tutti quelli che si sono prestati a giocare a Magic con me in ogni ritaglio di tempo, nei folli orari che il lavoro mi ha permesso, quando li prelevavo da casa al mattino per qualche game (vero Gianfranco?) o li distoglievo dal lavoro per giocare (giusto PJ?) o magari li tempestavo di telefonate per organizzare 40 minuti di testing per poi, a volte, scomparire in stato comatoso (Sascja ne sa qualcosa…). Tutto questo per costruire giorno dopo giorno un mattoncino alla volta una decente preparazione con disponibilità di tempo zero.

Tutto il Magic barese vecchio e nuovo è il campo di addestramento che mi ha cresciuto e che ancora oggi mi stimola a crescere e migliorarmi, senza di loro non sarei qui oggi a scrivere e non avrei fatto tante altre cose, posso solo ringraziarli e continuare a tormentarli e farmi tormentare.

Vincere a Napoli è stato bellissimo, tantissimi ragazzi che ho conosciuto negli anni che mi hanno fatto sentire come se avessi vinto “a casa”. I ragazzi della Taverna del Gargoyle che indubbiamente mi portano fortuna e che non mi hanno mai fatto mancare i loro attestati di stima e rispetto come giocatore e non solo, tutti, nessuno escluso.

Sono contento che la mia avventura nei PTQ si concluda così, con una vittoria, quale modo migliore? Ma… si conclude. Mai più spedizioni, mai più follie in gruppo per raggiungere un torneo da 200+ persone. Tante storie ormai passate di notti trascorse per terra in stazione, o alla guida per raggiungere posti che per altri sono dietro casa, o anche 20 ore in pullman per andare in Sicilia, ricordo folli corse in macchina driftando sulle rotonde per arrivare in aereoporto in tempo da Cantalupa… Certo i pPTQ sono comodi, sono dietro casa, si spendono molti meno soldi e anche se è più difficile qualificarsi, forse “va bene comunque”. Ma ci sono troppi bei ricordi di una vita passata in giro per l’Italia perché ciò che è nuovo possa esser meglio di ciò che, da quando una Mantide ha fatto gli ultimi 3 danni a Yuri, ormai è nel passato.

Questa bellissima storia che erano i PTQ si conclude per me con un bellissimo ricordo che ho voluto condividere con voi. Non si conclude certo qui la mia e spero anche la vostra avventura con Magic, adoro questo gioco e adoro cercare di migliorarmi. Ci si vede in giro per l’Italia e il mondo, Io vado al Pro Tour, adoro anche solo l’idea…

Ciao a tutti e alla prossima!
Michele Ancona

 

Michael Ragone - Michele Ancona - Gianluca Spanu






Da MicAncona, Venerdì, 27 Febbraio 2015 11:01, Letta: 4280 volta/e  ^
Inserisci Commento dal Sito


Inserisci Commento da Facebook

Commenti dal Sito






MagicFriends.net, la Community di Riferimento in Italia sui Tornei di Magic the Gathering
Tutto il materiale contenuto in questo sito รจ tutelato dal diritto d'autore e protetto in quanto proprieta` della WotC
www.wizards.com Wizards 1994-2015 - MagicFriends.net Cookie and Privacy policy
magicfriends.net, magicfriends, magic friends, friends, sito magic, carte magic, deck, decks, decklists, liste, mazzi, mazzo, magic cards, cards, carte, mtg, magic the gathering, magic, tornei, top8, top 8, spoiler, standard, modern, legacy, extended, vintage, commander, pauper, draft, sealed, megic, metagame, adunanza
MOBILE MODE